You are here

Medienmitteilungen

In mezzo alla catena non interrotta dei monti della stazione sciistica friburghese di Schwarzsee due coppie di promessi sposi aspettano. I pendii sono ripidi, il vento è freddo, ma gli abiti da cerimonia sono impeccabili. Con l'azione, hanno voluto attirare l'attenzione sul #MatrimonioXTutti dando una spinta ai membri del Parlamento. Perché oggi non tutte le coppie possono sposarsi. Il video e le fotografie dell'azione saranno pubblicati oggi.

Domenica, 1. luglio 2018

Il sole splende, l'abito è stretto, ma i fiori stanno per appassire: in mezzo ai bagnanti dello stabilimento balneare "Marzili" di Berna, una coppia di donne in abito da sposa aspetta su due sdraio. La coppia aspetta perché non ha altra scelta: le coppie dello stesso sesso infatti non hanno ancora il diritto di coronare il loro amore con un vero matrimonio.

Oggi è stato sventato un attacco alla democrazia grazie al NO senza se e senza ma del popolo svizzero. Le fantasie ultralibertarie degli iniziativisti di “No Billag” sono state rispedite al mittente. Oggi non ci troviamo di fronte a un campo di macerie e possiamo guardare avanti, perché lo status quo non può essere un’opzione a lungo termine.

Oggi, con l’inizio della raccolta delle firme per l’iniziativa di disdetta, comincia la più importante campagna di votazione per la Svizzera delle opportunità: i promotori dell’iniziativa hanno bisogno di 100’000 firme. Operazione Libero terrà testa a questo affronto e ha annunciato di raccogliere anche lei 100’000 firme per la nostra libertà in Europa.

Centinaia di richiedenti asilo attendono con ansia davanti alla frontiera a Como sperando di potere entrare o di attraversare il nostro paese. La situazione non è ancora chiara, ma potrebbe trasformarsi in una crisi umanitaria.

È compito delle nostre autorità e di tutta la popolazione svizzera di scongiurare un tale sviluppo. Se davanti alle nostre porte si sviluppa una situazione simile a quelle di Idomeni o di Calais, è solo perché noi lo rendiamo possibile.

Medienanfragen